NEWSLETTER - Anno 5 N° 04 - 14.04.2010
1. SVILUPPO
Continua il lavoro del progetto europeo. Già distribuiti anche i questionari per completare il quadro regionale sui bisogni di innovazione del settore lattiero.
AGRO-ENVORONMED: cresce la piattaforma web
 


 

Continua il lavoro del progetto europeo MED AGRO-ENVIRONMED. Sta crescendo infatti la piattaforma web che promuove l’innovazione eco-ambientale del settore agroalimentare. Aziende toscane ed europee, che usano e forniscono tecnologie e buone prassi ambientali, possono condividere le proprie esperienze e dare visibilità alla loro attività. A poche settimane dal via, sono già 20 i soggetti, tra aziende agricole, fornitori di servizi per l’innovazione e tecnologie, enti pubblici, iscritti. L’attività di diffusione delle opportunità rappresentate dalla piattaforma continua per i settori di riferimento del progetto: latte e derivati, olio d’oliva, vino, frutta e ortaggi. L’obiettivo è creare una rete innovativa di aziende agroalimentari europee e mettere loro a disposizione un catalogo online delle best practices e tecnologie innovative su scala europea. Il settore lattiero caseario è oggetto di particolare approfondimento, Eurobic sta elaborando un documento di livello regionale sul settore dal punto di vista delle buone pratiche e tecnologie innovative presenti sul territorio. Lo scopo è valorizzare le imprese maggiormente innovative e monitorare i bisogni di innovazione del comparto. A questo proposito sono già stati distribuiti circa 150 questionari ad aziende fornitrici ed utilizzatrici di innovazione: allevatori, produttori, caseifici, professionisti, agronomi, università, associazioni di categoria, associazioni di prodotto. Nel questionario, insieme alle informazioni di carattere generale sulla dimensione degli allevamenti, sulle tipologie delle strutture, le tipologie di produzione e le quantità, si indaga sulla presenza di pratiche o tecnologie volte alla riduzione dell’impatto ambientale e sui bisogni di innovazione in chiave di sostenibilità ambientale. Tutte le aziende interessate possono scaricare il questionario dalla pagina dedicata al progetto AGRO-ENVIRONMED sul sito del Bic (www.bictoscanasud.it). AGRO-ENVIRONMED vuole incrociare domanda e offerta di innovazione, facendo crescere così l’innovazione eco-ambientale nel settore agroalimentare. E’ infatti questo lo scopo del progetto europeo a cui partecipa in qualità di partner Eurobic Toscana. Da questo punto di vista la piattaforma web-based (già on-line dal sito www.agroenvironmed.eu) rappresenta un importante strumento operativo per le imprese del settore fornitrici o utilizzatrici di tecnologie eco ambientali, e best practices eco-innovative. Dall’analisi fin qui effettuata emerge come in Toscana l’export di prodotti lattiero-caseari sia di 12,7 milioni di Euro. Nel 2009 in Toscana c’è stata una diminuzione nelle esportazioni di prodotti agricoli del -9.1%. Ad ogni modo, segnali positivi sono arrivati proprio da settori in cui la Toscana non è fortemente specializzata, in particolare una crescita è stata presente tra i prodotti lattiero-caseari con un più 30% rispetto al 2008. Al 31 dicembre 2008 risultavano presenti in Toscana 4.724 aziende con pecore, di cui 1.339 specializzate nella produzione di latte. Sulla base dei dati Istat del 2007, in Toscana ci sono 57 operatori che lavorano nel settore lattiero-caseario correlate al trattamento e alla trasformazione del latte. Per quanto riguarda gli allevatori di bovini, nel 2007 risultavano 315 fattorie concentrate per il 75% in tre provincie: Grosseto (44%), Lucca (17%) e Firenze (16%). Dal 2005 al 2007 il business si è praticamente dimezzato (-44%). Una riduzione che ha interessato maggiormente le aziende piccole, le strutture con molti animali invece sono cresciute, infatti il business nelle strutture con più di 29 capi di allevamento è cresciuta del 29 per cento.

 
 2. SVILUPPO
La costruzione della filiera delle piante aromatiche in Val d’Orcia è l’iniziativa che sarà sperimentata nel contesto del progetto MED Mediss per rafforzare la capacità di innovazione di tutte le aziende che fanno parte della filiera dei profumi e sapori del Mediterraneo
MEDISS: a maggio la formazione del Comitato Tecnico Scientifico che seguirà la sperimentazione in Val d’Orcia
 

 

A maggio la nomina ufficiale del Comitato Tecnico Scientifico per l’assistenza alla costruzione della filiera delle piante aromatiche in Val d’Orcia, a partire dalla coltivazione al prodotto finito. Le aziende agricole interessate a sperimentare stanno già predisponendo la messa a dimora delle piante. Il Comitato Tecnico Scientifico del progetto sarà formato da esperti di varie tipologie. L’obiettivo è quello di dare un valido contributo in termini di assistenza tecnica in tutte le fasi del processo: dalla messa a dimora alla coltivazione, dalla raccolta alla trasformazione, per arrivare al prodotto finito ed alla sua promozione. L’idea, che è parte integrante del progetto MED-MEDISS, è quella di partire con la coltivazione di un melange di piante scelte in base alla specifiche caratteristiche dei terreni per ottenere “La tisana della Val d’Orcia”. Attraverso il progetto MEDISS è stata portata avanti una importante attività di animazione territoriale volta ad individuare in Val d’Orcia gli attori della filiera delle piante aromatiche. L’analisi preliminare effettuata ha evidenziato la presenza di tutti gli elementi necessari allo sviluppo di un settore ad alta potenzialità di crescita, alto valore aggiunto e sostenibile a livello ambientale, adeguato alle caratteristiche di eccellenza paesaggistica e culturale della Val d’Orcia.

 
 3. FORMAZIONE
Il primo viaggio è in programma per mercoledì 12 maggio in Val d'Elsa, il 19 sarà la volta della Val d'Orcia e dell'Amiata e il 24 l'appuntamento è con le Crete Senesi e la Val di Chiana. Le iscrizioni ai viaggi saranno aperte fino alle 12 di venerdì 23 aprile.
L'Accademia di Palazzo al Piano alla scoperta del territorio senese
 
 

L'Accademia di Palazzo al Piano porta gli operatori del settore turistico della provincia di Siena alla scoperta del territorio senese. Sono tre i viaggi di studio organizzati nell'ambito degli Incontri dell'Accademia di Palazzo al Piano, la scuola di alta formazione per gli operatori del settore turistico promossa dalla Provincia di Siena con il contributo della Fondazione Monte dei Paschi, e realizzata per tramite dell’Agenzia Provinciale dello Sviluppo Locale APSLO in collaborazione con Eurobic, Confesercenti e Confcommercio. L'obiettivo è quello di formare gli operatori del settore turistico e ricettivo della provincia senese, così che gli stessi siano in grado di “vendere” il territorio in cui operano attraverso i tratti che lo caratterizzano e che possono renderlo attraente per i turisti. Il primo viaggio è in programma mercoledì 12 maggio 2010 e riguarderà la Val d'Elsa. I partecipanti, dopo il seminario preparatorio di mezza giornata che si svolgerà alla Pinacoteca Nazionale di Siena lunedì 10 maggio dalle 14 alle 18, saranno accompagnati alla scoperta della Parrocchia dei Santi Salvatore e Cirino di Abbadia Isola, del Museo del Cristallo di Colle Val d'Elsa e del Museo Civico di San Gimignano. Il calendario dell'Accademia di Palazzo al Piano proseguirà mercoledì 19 maggio, con il viaggio studio in Val d'Orcia e all'Amiata, che si concentrerà sul Museo della Miniera di Abbadia San Salvatore, il Parco dei Mulini e la Vasca di Bagno Vignoni e il Museo Diocesano di Pienza. Anche in questo caso ci sarà un seminario preparatorio per i partecipanti lunedì 17 maggio dalle 14 alle 18 alla Pinacoteca Nazionale di Siena. Infine, il terzo viaggio studio è stato organizzato per mercoledì 26 maggio nelle Crete Senesi e nella Val di Chiana, mentre il seminario preparatorio si terrà, come di consueto il lunedì precedente, 24 maggio, alla Pinacoteca Nazionale. L'itinerariop revede la visita delle Terme Sensoriali e del Museo Civico e Archeologico di Chianciano Terme, di una cantina storica di Montepulciano e del Museo Archeologico di Asciano. Per partecipare basta consegnare i moduli di iscrizione scaricabili dal sito www.palazzoalpiano.it alla segreteria organizzativa dell'Accademia di Palazzo al Piano curata da Eurobic Toscana Sud spa, in Loc. Salceto 121, 53036 Poggibonsi (Siena) entro le 12 del 23 aprile 2010. Ogni viaggio studio è aperto ad un massimo di 50 operatori del settore turistico. Per questo, se le domande di iscrizione dovessero essere in numero maggiore, la segreteria organizzativa procederà ad una selezione per titoli. La partecipazione è gratuita. Per informazioni su “Gli Incontri dell’Accademia” è possibile contattare Eurobic Toscana Sud telefonando al numero 0577 99501, oppure mandando un fax allo 0577 980217 e scrivendo una mail all’indirizzo palazzoalpiano@bictoscanasud.it. Maggiori notizie anche sul sito www.palazzoalpiano.it. Per informazioni è possibile contattare anche Confcommercio Siena (tel. 0577248811, fax 0577 223188, e-mail palazzoalpiano@confcommercio.siena.it) e Confesercenti Siena (tel. 0577 252237, fax 0577 252261, e-mail formazione@confesercenti.siena.it).

 
 4. SVILUPPO
14-15 aprile in Slovenia l’incontro tra i partner per verificare lo stato di avanzamento della ricerca sulle autorizzazioni relative alla direttiva europea Ippc concesse nei vari territori partner
Nuovo meeting per MED IPPC-NET
 

 

Nuovo meeting per MED-IPPC-NET. Il comitato di indirizzo del progetto europeo si è incontrato in Slovenia il 14-15 aprile, a Ptuj. Tra gli argomenti in programma la condivisione dei risultati della prima fase di analisi regionale per l’identificazione delle procedure e valutazione del livello di implementazione della direttiva europea IPPC (Integrated Pollution Prevention and Control). Le informazioni contenute nelle analisi condotte su tutte le regioni partner verranno rielaborate nell’analisi interregionale. L’obiettivo è stato quello di evidenziare i punti in comune e le differenze nell’implementazione della direttiva nei diversi territori per la definizione di una “metodologia comune”. L’ulteriore miglioramento e ottimizzazione dell’applicazione avverrà attraverso la fase di sperimentazione su settori industriali prescelti. La finalità è quella di definire una metodologia che possa essere applicata su scala europea. MED-IPCC-NET si sviluppa su un arco di 30 mesi, co-finanziato dal Fondo per lo Sviluppo Regionale dell’Europa attraverso i programmi MED per la cooperazione internazionale con un investimento complessivo, di 1.223.727 Euro. Il progetto è coordinato dallo IAT, l’Istituto Andaluso di Tecnologia. Gli altri partner del progetto sono la Scuola Sant’Anna di Pisa, la Comunidad Valenciana, ARPA Piemonte, ARPA Sicilia, Eurobic Toscana Sud, il Centro Scientifico di Ricerca Bistra Ptuj (Slovenia) e il Centro Ambientale di Kozani (Grecia). I territori oggetto d’analisi sono la Toscana il Piemonte e la Sicilia per l’Italia, Valencia ed Andalusia per la Spagna, Stiria Orientale per la Slovenia e Macedonia Occidentale per la Grecia.

 
 5. SVILUPPO
Il comitato di indirizzo del progetto si è tenuto lo scorso 16 marzo a Alba Iulia, in Romania
Comunicazione e nuovi approfondimenti per Preserve
 

 

La presentazione dei risultati di comunicazione e del catalogo di buone pratiche, nonché il proseguo degli approfondimenti, sempre con il metodo delle peer reviews per sviluppare un report complessivo di progetto. Sono questi i principali risultati emersi dal comitato di indirizzo di Preserve che si è tenuto lo scorso 16 marzo a Alba Iulia, in Romania. Prosegue dunque il progetto europeo per il sostegno del turismo sostenibile di cui è parte Eurobic insieme a partner che provengono da 11 paesi europei. All’ordine del giorno del seminario, l’aggiornamento sui risultati delle peer review che già erano stati al centro dell’incontro slovacco a novembre 2009. In quel caso erano emersi indirizzi specifici per lo sviluppo turistico della regione Banská Bystrica, in Slovacchia. Tra questi, la tutela del patrimonio naturale, la creazione di nuove partnership tra il settore turistico e altre realtà, lo sviluppo turistico destagionalizzato, la crescita delle infrastrutture, la messa in atto di azioni di marketing mirate alla varietà naturale. Prossimi passi, questionari da creare per cogliere gli aspetti positivi e negativi del percorso, la nuova sessione di peer reviews ad aprile a Eszak, a Avila in giugno e in Carinthia a ottobre e successivamente in Sterea Ellada, infine la pubblicazione finale per creare uno strumento utile a tutti i partner. Durante il meeting a Alba Iulia la presentazione del turismo della Provincia di Siena è stata curata da Sonia Pallai, responsabile settore Turismo della Confesercenti. Pallai ha sottolineato come l’ospitalità sia caratterizzata da ben 2378 sistemazioni, tra hotel, bed and breakfast, campeggi, agriturismi ecc… 433 sono gli hotel e 1091 gli agriturismi. 63.145 sono i posti letto di cui 29.834 in hotel. La domanda turistica è caratterizzata da 4.520.634 presenze e da 1.318.860 arrivi. La media di soggiorno è di 3,43 giorni. La stima sulle persone che non pernottano è di 7 volte il numero delle presenze. La provincia di Siena conta 4 siti Unesco e un grande patrimonio di arte e paesaggio. Tutela e promozione sono i passaggi fondamentali, coinvolgendo anche i turisti. In questo senso la sostenibilità è la chiave per lo sviluppo. Tre tra i più importanti progetti che il territorio della provincia di Siena si è dato per la sostenibilità sono “Cittadini delle Terre di Siena”, rivolto ai turisti, “Ospiti di valore” che coinvolge anche hotels, B&B, restaurant ecc.., l’”Accademia di Palazzo al Piano”, progetto di formazione rivolto agli operatori. Preserve è progetto Europeo Interreg IV C che vede insieme 14 partner che provengono da 11 territori diversi. Rappresentano vecchi e nuovi stati membri e hanno una vasta rappresentanza geografica. E’ Lead Partner l’Assemblea Europea delle Regioni. Sono inoltre partner, l’Alba County Council (Romania), l’Alytus County Governor’s Administration (Lituania), l’Avila County Council (Spagna), l’Office of Banská Bystrica Self-governing Region (Slovacchia), l’Office of the Carinthian Government, Department 20 – Spatial Development (Austria), l’Észak-Alföld Regional Development Agency (Ungheria), il Syddansk Turism (Danimarca), l’Örebro Regional Development Council (Svezia), la Region of Sterea Ellada (Grecia), l’Internationalisationcenter Styria (Austria) ed Eurobic Toscana Sud (Italia).

 
 6. FORMAZIONE
Si è concluso il corso gratuito realizzato da Eurobic Toscana Sud e finanziato dalla Provincia di Siena con il contributo del Fondo Sociale Europeo
Quindici nuove guide ambientali ed escursionistiche
 

 

Sono 15 le nuove “Guide Ambientali Escursionistiche” formate grazie al corso gratuito realizzato da Eurobic Toscana Sud e finanziato dall’amministrazione provinciale di Siena con il contributo del Fondo Sociale Europeo. Il 30 marzo 2010, alle ore 15 presso Eurobic, Loc Salceto Poggibonsi, si è tenuto l’evento di chiusura del corso con la consegna degli attestati di qualifica. Nell’occasione gli allievi hanno presentato i percorsi escursionistici da loro progettati, realizzati durante il percorso in aula. Presente all’incontro Luciano Carapelli, Responsabile Formazione Provincia di Siena. Il corso, che si è tenuto a Poggibonsi ed in parte nella sede di Eurobic Toscana sud ad Abbadia S. Salvatore da giugno 2009 a febbraio 2010, si è svolto su un arco di 600 ore, di cui 520 in aula e 80 di stage. Gli esami di qualifica si sono tenuti il 23-24 e 25 Febbraio 2010. Gli stage sono stati ospitati da: A.S.T.R.A.(Azienda Speciale Tutela Riserve e Ambiente) e Oasi Lipu Massaciuccoli. La Guida ambientale è un libero professionista, abilitato all’esercizio della professione, che accompagna a piedi persone singole o gruppi, nella visita di ambienti naturali, anche antropizzati. Competenze di base approfondite durante il corso sono la conoscenza delle normative di settore, con particolare riferimento alla legislazione in materia di tutela ambientale e urbanistica riguardo alle aree protette, ed ancora, la conoscenza degli enti pubblici di riferimento per l’organizzazione e il controllo. La Guida inoltre conosce l’organizzazione turistica e sportiva, ha avuto modo di approfondire elementi di storia, archeologia, geografia, folclore, tradizioni, usi e costumi della Toscana nonché elementi generali di chimica e biologia, zoologia ed etologia del patrimonio faunistico della Toscana, botanica dell’ambiente toscano, nozioni di marketing turistico, aspetti contabili, fiscali, previdenziali. Durante il corso le Guide hanno avuto modo di fare proprie alcune specifiche competenze tecnico professionali. In parficolare modo nozioni legate alla sentieristica e segnaletica, le tecniche escursionistiche, metodologie e tecniche didattiche per l’organizzazione di percorsi escursionistici e conduzione di gruppi, la progettazione, realizzazione, documentazione e offerta di itinerari escursionistici rapportati alle diverse stagioni ed alle diverse utenze, l’individuazione di punti di sosta, rifugi e servizi sicurezza e primo soccorso in ambiente naturale. Le lezioni si sono concentrate anche su interventi di primo soccorso, problemi medico-legali, tecniche di organizzazione del soccorso, attività di collaborazione con la protezione civile, problem solving, comunicazione, gestione e conduzione di gruppi.

     


www.bictoscanasud.it
staff@bictoscanasud.it
.

Località Salceto, 121
53036 Poggibonsi
Siena - Italia
tel: +39 0577 995011
fax: +39 0577 980217

.
Il Suo indirizzo e-mail è stato reperito attraverso fonti di pubblico dominio o attraverso risposta ad e-mail da noi ricevuta o da Lei rilasciataci. Questo messaggio non può essere considerato SPAM poiché include la possibilità di essere rimosso da ulteriori invii di posta elettronica. Il titolare dei dati potrà richiederne in qualsiasi momento la conferma dell’esistenza, la modifica o cancellazione come previsto dall’articolo 13. Tutti i destinatari della mail sono in copia nascosta (Privacy L.75/96), ma può succedere che il messaggio pervenga anche a persone non interessate, in tal caso vi preghiamo di segnalarcelo scrivendo all’indirizzo: cancellami@bictoscanasud.it

Questa è la pagina dalla quale gli utenti possono iscriversi: mail.bictoscanasud.it/mailman/listinfo/news

Unsubscribe from: http://mail.bictoscanasud.it/mailman/listinfo/news