NEWSLETTER - Anno 6 N° 05 - 20.05.2011
1. FORMAZIONE
È la nuova proposta di formazione gratuita che si rivolge a 20 diplomati e laureati promossa dalla Regione Toscana e dalla Provincia di Siena
Diventare “Tecnico superiore della commercializzazione dei prodotti agricoli e agroindustriali”
 


 

Specializzarsi nella vendita delle produzioni agricole diventando “Tecnico superiore della commercializzazione dei prodotti agricoli e agroindustriali”. E’ la nuova proposta di formazione gratuita che si rivolge a 20 diplomati e laureati promossa dalla Regione Toscana e dalla Provincia di Siena – con Agricoltura è Vita, Etruria srl in partenariato con Università degli Studi di Firenze, Eurobic Toscana Sud Istituto Tecnico Agrario Statale di Siena “B. Ricasoli”, Confederazione Italiana Agricoltori Provincia di Siena, Associazione Toscana Produttori Zootecnici, Associazione Nazionale Città del Vino, Toscana Cereali, Olivicoltori Toscani Associati, Rocca delle Macie spa. Il nuovo corso IFTS viene realizzato in attuazione del piano di formazione della Provincia di Siena per il 2010 e realizzato con le risorse del Fondo Sociale Europeo. Avrà una durata di 960 ore e si svolgerà a Siena presso la sede dell’ Istituto Agrario Ricasoli a partire da settembre 2011. Sono previste 520 ore di lezione in aula e 440 di stage presso aziende ed enti del settore in Italia e all’estero. La scadenza per la presentazione delle domande è fissata per il 20 luglio 2011 alle ore 17. Gli allievi avranno la possibilità di studiare, tra gli altri, analisi economica e utilizzo dati statistici nel settore agroalimentare, caratteristiche delle aziende delle produzioni agroalimentari locali; comunicazione, linguaggi, promozione dei prodotti agroindustriali; mezzi e strumenti per la valorizzazione delle produzioni tipiche e locali, marketing management e il piano di marketing, marketing mix, marketing agroalimentare, strategie di marketing innovative e legami con le politiche di promozione territoriale in atto, distribuzione innovativa: dalla vendita diretta alla filiera corta, web-marketing, mezzi e strategie per l’e-commerce Per partecipare è necessario essere occupati/e, disoccupati/e, inoccupati/e, inattivi/e e in possesso del diploma di scuola media superiore prioritariamente attinente al profilo (istituti professionali a indirizzo agroalimentare, istituti tecnici o altri diplomi coerenti con il profilo), oppure laureandi o laureati in discipline attinenti al profilo (laurea o frequenza di un corso di laurea coerente con il profilo professionale), oppure possedere il diploma di scuola secondaria di primo ciclo più due anni di esperienza lavorativa nel settore o in ruoli affini conclusa da non più di due anni. Avrà la priorità chi ha maturato esperienze nel settore agroalimentare e/o agricolo per almeno 2 anni. Per i cittadini stranieri è richiesto il regolare titolo di soggiorno e la dichiarazione di valore in loco (per titoli di studio conseguiti all’Estero) oltre alla buona conoscenza della lingua italiana. La domanda di partecipazione dovrà essere indirizzata e spedita a mezzo raccomandata A/R oppure consegnata direttamente a Eurobic Toscana Sud Spa – Loc. Salceto 121 – 53036 Poggibonsi (SI). I moduli di iscrizione ai corsi sono reperibili presso gli uffici e le sedi operative Eurobic Toscana Sud, gli uffici del servizio Formazione-Lavoro e i Centri per l'Impiego dell'Amministrazione Provinciale di Siena. Possono essere scaricate anche da www.bictoscanasud.it, sul sito www.impiego.provincia.siena.it alle voci cerc@corsi. Alla domanda devono essere allegati tutti i documenti richiesti. In caso di ricezione di un numero di domande superiore ai posti disponibili l’ammissione al corso verrà subordinata al superamento di una selezione . Al termine dell’attività formativa, previo superamento di una verifica finale, verrà rilasciato attestato di qualifica professionale. Il rilascio dell’attestato è comunque subordinato alla frequenza minima del 70% del monte ore del corso nonché del 50% dello stage

 
 2. SVILUPPO
Continua il programma formativo promosso dall’area sviluppo del Bic
Mediss: visite in azienda a Casalvento, Antica Erboristeria
Tornabuoni e Aboca
 
 

Continua il programma formativo promosso dall’area sviluppo del Bic con le visite direttamente in azienda per le imprese agricole interessate a seguire il percorso della produzione di piante officinali. Dopo gli appuntamenti di inizio maggio, il calendario prosegue il 26 maggio a Castellina in Chianti, con la visita a Casalvento, dove viene effettuata la distillazione degli oli essenziale. Il 10 giugno, la visita all’Antica Erboristeria Tornabuoni a Firenze dove verrà approfondito l’uso delle piante a livello cosmetico e curativo. Il calendario si concluderà con la visita all’Aboca di San Sepolcro, il 16 giugno, per approfondire il funzionamento di una azienda che si muove sul mercato nazionale. La partecipazione è gratuita. Il numero di partecipanti è programmato fino ad un massimo di 15 persone. Il modulo di iscrizione, compilato in ogni sua parte e sottoscritto deve essere inviato via fax o email a Eurobic Toscana Sud Spa, fax 0577 980217, e-mail a.mangiarulo@bictoscanasud.it. La priorità di iscrizione sarà determinata sulla base della data di arrivo del modulo. L’iniziativa è parte integrante di Mediss, il progetto di cooperazione internazionale, finanziato dal Fondo Europeo di Sviluppo Regionale con il contributo del Ministero dello Sviluppo Economico, di cui è partner Eurobic in collaborazione con l’Associazione Cipat-At Sviluppo rurale. L’obiettivo è il rafforzamento della capacità d’innovazione delle imprese agro-alimentari a partire dalla loro messa in rete nella “Filiera degli aromi e dei sapori del Mediterraneo”, orientando le aziende verso scelte produttive economicamente remunerative, fornendo nozioni di base sulle tecniche di coltivazione sostenibile delle piante officinali più adatte all’ambiente mediterraneo nonché sulle tecniche per la loro trasformazione per l’ottenimento di prodotti erboristici.

 
 3. SVILUPPO
Eco-innovazione e tecnologie ambientali nel settore agroalimentare è il tema della conferenza nazionale che si terrà nell’ambito della manifestazione fiorentina, sabato 21 maggio, alle 15, alla Fortezza da Basso
Agro-environmed protagonista a Terra Futura
 
 

Il progetto Agro-environmed protagonista a Terra Futura con “Eco-innovazione e tecnologie ambientali nel settore agroalimentare”. Questo è il tema della conferenza nazionale che si terrà nell’ambito della manifestazione fiorentina, sabato 21 maggio 2011, alle 15, alla Fortezza da Basso, a Firenze. Agroenvironmed, inoltre, sarà presente con saremo presente con lo stand nel padiglione Spadolini per tre giorni, da venerdì 20 maggio a domenica 22. Durante la conferenza di sabato 21, previsti in primo luogo i saluti di Eurobic, organizzatore dell’evento e partner del progetto Agroenvironmed. Coordinerà un rappresentante della CIA Regionale. Successivamente sono previsti gli interventi di Errico Fontana, condirettore del quotidiano Terra, Antonino Catara, esperto dell’attività Parco Scientifico e Tecnologico della Sicilia nel settore vino, Giuseppe Creanza, esperto Agenzia Regionale per la Tecnologia e l'Innovazione che si soffermerà sulle opportunità per la competitività dell'agroalimentare pugliese AGRO-ENVIRONMED è un progetto di cooperazione interregionale, cofinanziato dal Fondo europeo di pronto sviluppo Fondo attraverso il Programma MED. Il suo obiettivo principale è quello di incoraggiare l'eco-innovazione nelle imprese appartenenti al settore agro-alimentare mediterranea settore, in particolare le piccole e medie imprese, attraverso la creazione di una piattaforma che promuove il trasferimento di tecnologie e migliori pratiche di gestione ambientale. Il partenariato AGRO-ENVIRONMED coinvolge Regioni, Centri di Innovazione e Tecnologia, Enti pubblici, imprenditori Associazioni e Centri di Ricerca, che rappresentano 11 regioni e 6 paesi dell'area del Mediterraneo (Francia, Grecia, Italia, Portogallo, Spagna e Slovenia), che lavoreranno insieme di sviluppare attività di progetto in 5 sottosettori agroalimentari: olio, vino, carne, frutta e verdura e prodotti Caseari. Per informazioni sul convegno è possibile contattare Eurobic Toscana Sud al numero 0577/99501 e mandare una mail a v.scagliola@bictoscanasud.it

 
 4. SVILUPPO
Con queste finalità le aziende, tutte alla prima esperienza, che hanno partecipato al progetto “Tisana i Val d’Orcia” con il programma europeo Mediss, intendono continuare a partecipare alla sperimentazione
Tisana Val d’Orcia: obiettivo mercato locale e vendita diretta
 

Giorno della presentazione
13 Dicembre 2010

 

Puntano ad un mercato locale e di vendita diretta delle produzioni. Con questi obiettivi le aziende, tutte alla prima esperienza, che hanno partecipato al progetto “Tisana i Val d’Orcia” con il programma europeo Mediss, intendono continuare a partecipare alla sperimentazione. Il mercato delle officinali è una nicchia con caratteristiche proprie poco conosciute. È necessario creare e supportare una rete che possa interagire e approfondire argomenti ed esperienze. Solo in questo modo si potrà cercare di creare una filiera delle officinali: mettendo a sistema tutte le esperienze del territorio ed ottimizzando le risorse. Da qui nascono seminari e visite. Il centro di lavorazione presso l’Az. Agr. Belladonna deve divenire un patrimonio comune che possa consentire di chiudere la filiera e arrivare al prodotto finito. In un secondo momento sarà anche ipotizzabile la stabilizzazione e la strutturazione di un organismo ( associazione, consorzio) ma dopo avere iniziato a produrre ed essersi confrontati con questo settore. La prima tisana sperimentale che è stata presentata durante il primo seminario a dicembre 2010 era a base di salvia, achillea e issopo. Per il futuro l’obiettivo è quello di riformulare il preparato tenendo conto dell’entrata in produzione delle piante che nel primo anno di vita non producono (lavanda, rosmarino)

 
 5. SVILUPPO
Gli sviluppi del progetto europeo dedicato al turismo sostenibile
Preserve, pronta la “Guida degli esperti”
 

 

È pronta la “Guida degli esperti” di Preserve. È il resoconto che nasce dall’analisi delle peer review. In primo luogo emerge come le regioni dovrebbero definire una strategia globale per il turismo che abbraccia molteplici aspetti durevoli (ad esempio ambiente, il patrimonio culturale, l'energia, identità, ecc…) e riflette le specificità della popolazione locale. Turismo sostenibile significa integrazione di tali politiche da parte di tutti i soggetti e attività. L'obiettivo è quello di integrare il turismo nello stile di vita della comunità locale. Un'altra parte fondamentale della strategia è quello di definire gruppi di destinatari. Ed ancora, altro aspetto, la costruzione di partnership, al fine di coinvolgere gli attori locali. Le politiche e gli incentivi dovrebbero incoraggiare e favorire la costituzione di imprese locali. Inoltre, centrale la coesione sociale. La politica del turismo dovrebbe ridurre le differenze all'interno della popolazione, mettendo in evidenza lo sviluppo delle identità locali, le pratiche e le merci, dando un motivo per gli abitanti di sentirsi orgogliosi del proprio patrimonio. Una efficace coesione sociale dovrebbe presentare prodotti e servizi di qualità. La politica del turismo dovrebbe inoltre far crescere un progetto comunitario che coinvolge i cittadini e pianifica il territorio. Lo sviluppo della politica del turismo richiede infatti infrastrutture, strade, uso del suolo e delle costruzioni. La pianificazione del territorio deve considerare la conservazione del paesaggio naturale e monitorare gli effetti dell'attività umana sull'ecosistema nelle vicinanze. Preservare l'ambiente è centrale. Turismo è anche comunicazione. Ci sono due filoni di comunicazione: pubblicità per attirare turisti e informazioni ai visitatori del sito. La prima è necessaria per portare i visitatori della regione e contribuisce in generale di marketing regionale. Il secondo parte dal prese posto ritiene che i visitatori sono sempre più interessati a conoscere la loro destinazione, mentre sono già in viaggio. Questo può includere informazioni generali sulle iniziative di turismo sostenibile, ma anche di comunicazione più specifiche sull'attività locale della zona, le tradizioni, gli eventi culturali e anche la vegetazione. Ci sono infine molte forme di turismo oggi. Le regioni possono scegliere di rivolgersi ad uno o l'altro, utilizzando le possibilità offerte dalle nuove tecnologie.

 
 6. SVILUPPO
L’iniziativa è parte integrante di Mediss
La Tisana della Val d‘Orcia alla Fiera dell’Artigianato di Firenze
 

 

Il 6 e 7 maggio la Tisana della Val d’Orcia è stata protagonista alla Fiera dell’Artigianato a Firenze. Le aziende che hanno partecipato all’iniziativa sperimentale infatti hanno esposto alla Fiera. E qui hanno presenteranno le erbe essiccate pronte per la tisana con l’etichetta. Il progetto è parte di Mediss, il programma di cooperazione internazionale, finanziato dal Fondo Europeo di Sviluppo Regionale con il contributo del Ministero dello Sviluppo Economico, di cui è partner Eurobic. Sono state a Firenze il Podere Perelli, l’Azienda Agricola San Savino, il Podere Santa Francesca. Tutte della Val d’Orcia. Con Mediss queste aziende hanno affrontato una esperienza di piantumazione e coltivazione di piante aromatiche. Si tratta di realtà tutte a conduzione biologica con attività nel campo produttivo cerealicolo, olivo-oleicolo, vitivinicolo e con la presenza di agriturismi. I campi messi a disposizione sono posti a quote variabili fra i 350 e i 600 metri sul livello del mare. Nessuna aveva in precedenza esperienza nel campo della coltivazione di piante aromatiche/officinali. Lo scorso anno hanno iniziato a confrontarsi con questo tipo di realtà produttiva e sono riuscite ad ottenere buoni risultati, limitatamente alle condizioni sfavorevoli in cui hanno operato. Infatti, le condizioni meteo in primavera, a causa delle piogge insistenti, hanno prima ritardato la piantumazione e poi, il forte caldo, ha reso difficile lo sviluppo equilibrato. Sono stati essiccati oltre 8 kg di piante aromatiche pronte per la produzione della prima Tisana della Val d’Orcia.

 


www.bictoscanasud.it
staff@bictoscanasud.it
.

Località Salceto, 121
53036 Poggibonsi
Siena - Italia
tel: +39 0577 995011
fax: +39 0577 980217

.

Il Suo indirizzo e-mail è stato reperito attraverso fonti di pubblico dominio o attraverso risposta ad e-mail da noi ricevuta o da Lei rilasciataci. Questo messaggio non può essere considerato SPAM poiché include la possibilità di essere rimosso da ulteriori invii di posta elettronica. Il titolare dei dati potrà richiederne in qualsiasi momento la conferma dell’esistenza, la modifica o cancellazione.

Se ritieni che questa e-mail non sia di tuo gradimento,
e non vuoi pił ricevere notizie ed aggiornamenti da Eurobic Toscana Sud S.p.a. clicca QUI
oppure invia una e-mail con oggetto "NO NEWSLETTER" a news@bictoscanasud.it