NEWSLETTER - N° 28 - 16.11.2007
 1. SVILUPPO
Eventi, seminari, guide e magazine per la fase di diffusione del progetto europeo Interreg III C gestito da Eurobic Toscana Sud. La Comunità Europea premia la buona gestione del progetto assegnando al centro servizi un budget aggiuntivo di 150.000 Euro per la capitalizzazione degli interventi di sviluppo territoriale
Continua la cooperazione tra Toscana, Francia e Portogallo con Eddt
 
 

Riparte EDDT, Epine Dorsale du Dévéloppement Territoriale, l’importante progetto di cooperazione internazionale Interreg IIIC gestito da Eurobic Toscana Sud insieme ai partner portoghesi e francesi. Il Segretariato di Valencia, Autorità comunitaria di gestione del programma Interreg ha dato l’opportunità ad Eurobic e agli altri partner di continuare l’attività per la valorizzazione e la promozione dei risultati del progetto EDDT. La Comunità Europea a fine periodo di programmazione premia i progetti più efficienti sia in termini di utilizzo del budget assegnato che in termini di reale impatto sul territorio. Grazie al budget aggiuntivo di 150.000 Euro, Eurobic continuerà quindi l’attività di diffusione e capitalizzazione dell’esperienza EDDT per il rafforzamento sia della rete di partner internazionali e locali attivata che dell’impatto delle azioni messe in atto per lo sviluppo locale in ottica transnazionale. I settori e ambiti tematici che saranno principalmente interessati dalle future azioni saranno turismo, identità territoriale. Epine Dorsale du Dévéloppement Territoriale, grazie al lavoro di animazione territoriale e di coordinamento svolto da Eurobic, ha trasformato lo strumento della collaborazione tra territori diversi, ovvero la Toscana, il Portogallo con la regione Lisboa-Valle do Tejo, e la Francia con l’Alta Provenza-Costa Azzurra e Rhone-Alpes, in tante proposte. Sono state 17 le azioni transnazionali su tematiche strategiche per i territori coinvolti approvate e finanziate da EDDT; 30 sono i soggetti tra amministrazioni comunali, associazioni di categoria, centri servizio, istituti di formazione, università, aziende private che hanno partecipato. Alcuni esempi toscani sono FiSeS, Confesercenti Siena, Assoservizi, Comune di S. Giovanni d’Asso, Apit Innovazione, Centro Sperimentale del Mobile, Università di Firenze. Le risorse complessive distribuite sul territorio a partire dall’inizio del 2005 per finanziare le azioni sviluppate dalla rete di partecipanti locali sono 700.000 Euro. Ora l’obiettivo è quello di capitalizzare i risultati di EDDT. Per questo saranno organizzati eventi, seminari di approfondimento, workshops per dare ulteriore visibilità ai risultati dei progetti a Bruxelles. Sarà effettuata anche una attività di approfondimento con incontri presso le strutture che hanno collaborato a EDDT. I risultati saranno la base di partenza anche per l’elaborazione di buone pratiche in modo tale da individuare al meglio le potenzialità e le forme per continuare a far crescere EDDT anche nella nuova programmazione europea.

 
 2. FORMAZIONE
Al via un ciclo di seminari per la promozione delle fonti alternative ad Abbadia San Salvatore tra dicembre 2007 e marzo 2008
"Alterner – Favorire le energie rinnovabili sul territorio senese"
 
  Sei seminari, ognuno incentrato su aspetti diversi e importanti delle energie rinnovabili. Questo il piano promosso dai Comuni di Pienza e Piancastagnaio e finanziato dalla Provincia di Siena nell’ambito del progetto Por Obiettivo 3 2000 – 2006. Gli incontri, gratuiti ed organizzati da Eurobic Toscana Sud, si terranno ad Abbadia San Salvatore nel periodo tra dicembre 2007 e marzo 2008. Ogni seminario avrà una durata di circa 20 ore e vi potranno partecipare un massimo di 20 persone. Il progetto vuole affrontare il tema delle energie rinnovabili da vari punti di vista, così da interessare soggetti diversi, dai cittadini, agli enti locali, ai produttori di impianti per la produzione di energia alternativa. Per questo, ognuno dei sei moduli, “Edilizia sostenibile ed efficienza energetica”, “Efficienza energetica nei processi produttivi”, “Liberalizzazione del mercato energetico e opportunità di produzione”, “Pianificazione e progettazione energetica: strumenti e tecnologie”, “Energie alternative. Soluzioni di piccola scala” e “Energie da coltivare: biodiesel e bioetanolo”, sarà indipendente dall’altro, in modo da permettere agli interessati di aderire solo a quelli scelti. Il ciclo di seminari sarà un’occasione di dibattito pubblico e formazione tecnica sulle fonti rinnovabili utili ai cittadini per muoversi tra le tante informazioni e occasioni che si aprono oggi in questo campo. In questo modo la Provincia di Siena vuole agevolare il raggiungimento dell’obiettivo che nel 2015 vedrà Siena prima provincia italiana a potersi definire “carbon-free”, obiettivo che passa obbligatoriamente attraverso il mercato delle emissioni serra previsto dal protocollo di Kyoto, ma che non può prescindere dai tagli volontari e dalle iniziative che partono dal basso. Per maggiori informazioni sulle modalità di selezione è possibile chiamare Eurobic a Poggibonsi al numero 0577 99501 oppure inviare un fax allo 0577 980217, è possibile anche chiamare la sede di Abbadia San Salvatore allo 0577 776942.
 
 3. FORMAZIONE
A dicembre 2007 al via una nuova qualifica molto richiesta nel mercato del lavoro Il progetto è finanziato dalla Provincia di Siena e prevede 300 ore di lezione e 120 di stage
Diventare "Addetto informatico" con i corsi proposti da Eurobic Toscana Sud
 
  Presto sarà possibile acquisire le competenze necessarie per essere “Addetto informatico”. L’Eurobic Toscana Sud, infatti, propone un nuovo corso di formazione professionale per questa qualifica molto richiesta da aziende ed enti locali. Il progetto, finanziato dalla Provincia di Siena, prenderà il via nel mese di dicembre 2007. Il corso prevede la formazione di una figura professionale che operi nel settore dell’informatica, un tecnico che svolga tutte le sue attività di ufficio tramite personal computer e gestisca la sua postazione di lavoro identificando e segnalando eventuali guasti alle attrezzature. Il corso, che si terrà ad Abbadia San Salvatore, prevede 300 ore di lezione e 120 di stage presso sette aziende ed enti interessati a questo profilo professionale. Molte le competenze che acquisiranno i futuri addetti informatici, dalla conoscenza di diversi sistemi operativi e pacchetti di video scrittura come Openoffice, Word, Works e Writer, alla capacità di usare programmi di grafica, database e fare presentazioni. Inoltre, alcune lezioni verteranno sulle principali normative regolanti il rapporto di lavoro, l’igiene del lavoro e la prevenzione. Durante tutto il corso saranno implementate le competenze riguardanti i rapporti interpersonali con i vari livelli di responsabilità all’interno dell’ambiente lavorativo. Il corso sarà attivato per un massimo di 14 partecipanti. Per informazioni è possibile chiamare Eurobic a Poggibonsi al numero 0577 99501 oppure inviare un fax allo 0577 980217, è possibile anche chiamare la sede di Abbadia San Salvatore allo 0577 776942.
 
 4. SVILUPPO
Obiettivo: mettere a sistema tutte le competenze del territorio e innovare le imprese attraverso l’integrazione dei centri servizi dell’area di Arezzo, Grosseto, Siena
Con knock, un parco progetti per costruire proposte insieme a tutta l’area vasta
 
  Una serie di tematiche di interesse per tutta l’area vasta al fine di presentare proposte e domande che rispondano a tutto il territorio. Energia, distretti industriali, turismo rurale saranno i temi su cui Arezzo, Grosseto, Siena e tutti i partner di Knock si impegnano a lavorare insieme e dunque a presentare domande di finanziamento comuni. Questo è il primo risultato dei tavoli di lavoro di “Knock”, il progetto a cui partecipa Eurobic, l’Idi-Istituzione Distretti Industriali di Arezzo, Etruria Innovazione, Centro Servizi Grosseto. In questo contesto si è già svolto un primo incontro, che si è tenuto il 17 settembre ad Arezzo. ‘Knock’si propone di giungere alla razionalizzazione nell’area della Toscana del Sud, attraverso un lavoro congiunto sugli stessi obiettivi che riguardano prevalentemente il mondo delle imprese, con servizi per le aziende, servizi di analisi e ricerca e integrazione delle competenze del territorio, che dovranno essere messe a sistema. Altro obiettivo è quello di puntare all’innovazione nel sistema delle imprese tramite l’integrazione con altri centri servizi dell’area vasta (ovvero Arezzo, Grosseto, Siena) soprattutto nell’ambito dedicato alle imprese.
 
 5. SVILUPPO
La proposta di presentata alla Comunità Europea all’interno del programma Energy for Europe” Eurobic insieme a partner italiani e internazionali
Controevento: Il linguaggio dell’arte al servizio delle energie rinnovabili
 

Logo dell’iniziativa
  Il linguaggio dell’arte al servizio delle energie rinnovabili, l’arte per ricercare un legame tra tecnologia e ambiente. Questo è Controevento il progetto parte integrante del programma europeo “Intelligence Energy for Europe”. Eurobic partecipa a questa iniziativa progetto, che è stato proposta alla Comunità Europea, insieme a molti partner, nazionali e internazionali. Controevento intende sostenere le energie rinnovabili e le nuove tecnologie in materia, compreso energia eoloica, solare e il biofuel. Il cuore dell’iniziativa sta nell’idea di coinvolgere artisti locali, e non solo, per creare installazioni, anche con materiali riciclati, che sappiano unire tutela ambientale e la promozione culturale. Controevento dunque userà le esposizioni d’arte per comunicare in modo innovativo la via per un cambiamento ambientale. Altra finalità è quella di sviluppare buone pratiche e soluzioni disponibili, coerenti con il paesaggio. Il programma prevede la realizzazione di una mostra/evento nonché studi per applicazioni delle tecnologie rinnovabili nell’ambiente, in assoluta coerenza con il paesaggio. Se al livello istituzionale il programma immagina di stilare un manuale di buone pratiche e una guida, al livello imprenditoriale, Controevento vede lo sviluppo di eco-cluster per stimolare il mercato interno. Tre sono le aree potenziali dove poter stabile degli eco-cluster, ovvero biofuel cluster, solar energy , wind Energy. In questo senso, tra i risultati dell’iniziativa sono previsti, oltre l’evento, un manuale di buone pratiche, guide, un sito web che offra una piattaforma di eco-cluster. La Comunità Europea farà conoscere le proprie indicazioni sul progetto nella prima parte del 2008. Il budget previsto per Eurobic è di circa 82.000 Euro. Eurobic ha avanzato la propria proposta per svolgere azioni nel territorio di riferimento. Il progetto tra l’altro farà parte della campagna di promozione congiunta Ministero dell’Ambiente – Unione Europea Controvento. Come detto, tanti sono i partner che cooperano a rete. Insieme al centro servizi, Comunità Montana dell’Appennino, la Provincia di Reggio Emilia, la Regione Emilia nella sede a Bruxelles, la Regione Sassonia, il Municipio i Bockelwitz, il Centro di Creatività Ecologica della Sassonia, l’Agenzia Energetica della Regione di Lipsia, il Comune di Malaga, la Fondazione Comunità Valenciana, il Comune di Sopot in Polonia, la Società di Malta Project Emotion, l’Università Tecnica di Praga.
 
 6. SOCIALE
Il 16 novembre a Carrara si è tenuto l’appuntamento parte integrante del progetto europeo STREET che indaga il rapporto tra povertà e dimensione femminile
A "Dire e Fare", dimensione di genere e povertà
 

La locandina dell’iniziativa
  “La dimensione di genere nella lotta contro la povertà” al Salone Dire & Fare a Carrara, il 16 novembre. Così Eurobic con il progetto Street dà il proprio contributo ad un tema estremamente importante come lo è la povertà, che colpisce in misura molto differente donne e uomini. Una diversità che risiede nella peculiare natura della povertà femminile, generata dalla interrelazione tra famiglia, mercato del lavoro, sistemi di welfare, esclusione dai processi sociali di potere/controllo. Il progetto STREET, finanziato dalla Commissione Europea, è un’opportunità che l’Europa mette a disposizione per conoscere, diffondere e mobilitare il sostegno di tutte le parti in causa alla strategia per l’inclusione sociale e la protezione sociale. Il progetto si concentra in primo luogo, sulla realizzazione di otto conferenze inter-regionali. A corollario di questa attività, STREET prevede la pubblicazione di altrettanti opuscoli informativi. L’iniziativa di Carrara è parte integrante di questa finalità. In secondo luogo Street prevede una campagna mediatica che vede i partner di impegnati in una serie di iniziative locali e nazionali. All’iniziativa del 16 novembre a Carrara hanno partecipato Patrizio Petrucci, presidente del Cesvot, Simonetta Cannoni, direttrice di Eurobic, per i saluti. E’ stato presentato il progetto STREET con Letizia Cesarini Sforza del consiglio direttivo CILAP EAPN Italia, ed ancora, “Le politiche del lavoro” con Franca Alcavich dell’Università di Firenze, “Le politiche di conciliazione” con Elena Urso dell’Università di Firenze, “Donne e istituzioni” con Mirella Cocchi, Presidente della Commissione Pari Opportunità della Provincia di Massa Carrara, la ricerca “A proposito di donne….percezioni, indagini e inclusione sociale” con Raffaele Parrini, assessore alla Formazione della Provincia di Massa Carrara. La tavola rotonda “Politiche per l’inclusione e per il lavoro: una questione di piena cittadinanza per le donne” ha visto la presenza tra gli altri di Susanna Cenni, assessore alle Pari Opportunità della Regione Toscana, Gianni Salvadori, assessore alle Politiche Sociali Regione Toscana, Vincenzo Striano, presidente ARCI Toscana, Alessandro Martini, direttore Caritas Diocesana Firenze, Daniela Cappelli, della segreteria Cgil Regione Toscana. Sono partner di STREET il Ministero della Solidarietà Sociale, Regione Basilicata, Lazio, Marche, Provincia di Potenza, Provincia di Roma, Provincia di Torino, Comune di Bari, Comune di Bologna, Comune di Forlì, Comune di Roma, Agenzia per l’Inclusione Sociale del Patto Nord Barese Ofantino, Associazione IRFEDI, Animazione Valdocco, Associazione Maestri di Strada, Casa dei Diritti Sociali, Centro Studi Erasmo A.N.P., CESV, Centro Servizi per il Volontariato del Lazio, CESVOT, Cilap EAPN Basilicata, Eurobic Toscana Sud.
 


www.bictoscanasud.it
staff@bictoscanasud.it
.

Località Salceto, 121
53036 Poggibonsi
Siena - Italia
tel: +39 0577 995011
fax: +39 0577 980217

.
Il Suo indirizzo e-mail è stato reperito attraverso fonti di pubblico dominio o attraverso risposta ad e-mail da noi ricevuta o da Lei rilasciataci. Questo messaggio non può essere considerato SPAM poiché include la possibilità di essere rimosso da ulteriori invii di posta elettronica. Il titolare dei dati potrà richiederne in qualsiasi momento la conferma dell'esistenza, la modifica o cancellazione come previsto dall'articolo 13. Tutti i destinatari della mail sono in copia nascosta (Privacy L.75/96), ma può succedere che il messaggio pervenga anche a persone non interessate, in tal caso vi preghiamo di segnalarcelo scrivendo all'indirizzo: cancellami@bictoscanasud.it

Questa è la pagina dalla quale gli utenti possono iscriversi: mail.bictoscanasud.it/mailman/listinfo/news

Unsubscribe from: http://mail.bictoscanasud.it/mailman/listinfo/news