NEWSLETTER - N° 40 - 23.02.2009
 1. SVILUPPO
Il progetto finanziato con il programma Leonardo
Eurobic esporta know how alla Regione Molise
 

 

Eurobic esporta know how alla Regione Molise per costruire il distretto culturale di questo territorio. Il centro servizi toscano infatti è chiamato ad esporre e seguire questa realtà regionale nella messa a punto del proprio distretto culturale. Questo a partire dalle esperienze maturate negli anni passati con i programma comunitari come Interreg Sigma IIIC. Progetti che in provincia di Siena, con Eurobic, si sono tradotti due anni fa in una ricerca dettagliata della proposta culturale presente a Siena da cui emergeva la possibilità concreta di articolare la presenza di un distretto culturale in tutta la provincia di Siena. E’ stato realizzato anche un percorso di eventi che si è concluso con il concerto di Gianmaria Testa a fine giugno 2007, al Santa Maria della Scala. Ora Eurobic porta fuori regione queste conoscenze perché il Molise possa costruire il proprio distretto. Questo è l’obiettivo del progetto europeo Leonardo, presentato lo scorso anno dalla Regione Molise insieme ad altri partner europei a cui partecipa Eurobic per un contributo di 36.000 Euro al fine di svolgere questa funzione di affiancamento e consulenza. Il progetto complessivo invece, in capo al Molise, prevede un investimento di oltre 300 mila euro che ha ricevuto il 75% del finanziamento dall’Europa. Lo scorso fin gennaio Eurobic con la direttrice Simonetta Cannoni è stato ospite a Campobasso per due giorni di incontri e riunioni con l’assessore regionale alla Cultura Sandro Arco che ha apprezzato il modello di lavoro messo a punto dal centro servizi con sede a Poggibonsi e ha sviluppato linee guida al fine di creare un distretto evoluto. Un incontro tecnico, dunque, per trasmettere metodologie e competenze. A fine marzo si terrà a Campobasso l’evento di lancio in cui saranno presenti tutti i partner europei insieme al Molise, enti o istituzioni che hanno la propria sede in Spagna, Portogallo, Malta, Romania. Eurobic sarà presente in quanto relatore tecnico.

 
 2. SOCIALE
I target del progetto Europa spa strumenti di partecipazione attiva nell’Europa del XXI secolo, di cui è capofila Eurobic Toscana Sud. Il programma ha ricevuto il contributo della Comunità Europea per un investimento di 592.887 euro
Teatro, cinque tavoli in cinque regioni e tante iniziative per l’inclusione sociale
 
 

Donne, minori, poveri. Sono coloro a cui si rivolge Europa spa, il progetto di cui è capofila Eurobic Toscana sud che ha ricevuto il contributo della Comunità Europea per un investimento di 592.887 euro. Pari opportunità, immigrazione, minori, ma anche partecipazione e povertà sono i grandi temi che hanno l’obiettivo di sensibilizzare e misurare il livello di inclusione. Il progetto si articolerà su un periodo di 2 anni e si basa su un partenariato tra Cilap-Eapn, Collegamento Italiano di Lotta alla Povertà Italia, e Eurobic Toscana Sud. Sono inoltre partner, Cesv – Centro servizi per il volontariato del Lazio, Comune di Prato. Provincia di Roma, Iress – Istituto regionale emiliano-romagnolo per i servizi sociali e sanitari, Erasmo – Centro studi di ricerca formazione e documentazione sull’Europa sociale (Puglia), Co.ri.ss. – Cooperative riuniti socio sanitarie (Calabria), Cooperativa animazione Valdocco (Piemonte), Regione Emilia Romagna, Provincia di Torino, Associazione Straligut (Siena), Città di Catanzaro. I target sono stati scelti tra quelle fasce svantaggiate che le statistiche affermano essere tra coloro che più sono vittime di discriminazione, povertà ed esclusione sociale. Per quanto riguarda le donne i dati del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali (2006) mostrano chiaramente che il divario tra uomini e donne resta ancora molto alto. Le donne guadagnano, mediamente, la metà degli uomini, gli uomini che svolgono un lavoro dipendente guadagnano mediamente il 23% in più delle loro colleghe, i professionisti il 40% in più delle professioniste, i lavoratori maschi a contratto il 24% in più. Inoltre, il 54% dei precari è donna e rimangono tali per il doppio del tempo. Questo sapendo bene che le donne in genere hanno qualifiche professionali e un livello di istruzione migliore degli uomini e che, in gran parte, svolgono lavori ben al di sotto delle loro qualifiche (il 20%). Il 10% delle donne lascia il lavoro al termine del periodo di maternità e il 40 decide di lasciare il lavoro appena incinte. Per quanto riguarda la comunità Rom, il 77% degli europei afferma che essere un Rom equivale ad essere un escluso (Rapporto EUROBAROMETRO). Il MAC/inclusione potrebbe essere uno strumento importante per coordinare gli sforzi e trasferire le buone pratiche tra stati membri. Inoltre, secondo un rapporto UNICEF, la povertà minorile coinvolge più del 15% dei bambini italiani, la cui maggioranza (90%) risiede nel Mezzogiorno. Questa azione sarà sviluppata maggiormente a Catanzaro dove la povertà minorile è più alta. Inoltre, le attività del progetto mirano a migliorare il livello di partecipazione delle persone in povertà. Questa attività avrà luogo a Bologna dove si registrano buone pratiche in materia e dove uno dei partner del progetto (IRESS) lavora coinvolgendo nelle proprie ricerche e lavoro sul campo le persone in povertà. Infine, l’accesso ai servizi di interesse generale, uno degli obiettivi della strategia europea per l’inclusione attiva. Il Piemonte è la regione coinvolta in questa attività anche perché la provincia di Torino ha lanciato nel 2005 “Fragili orizzonti”, un programma triennale per combattere la vulnerabilità sociale e perché la regione ha sviluppato una serie di buone pratiche che, attraverso il MAC/inclusione, possono essere meglio studiate e trasferite.

 
 3. SVILUPPO
Va avanti il lavoro relativo al progetto che ha ricevuto un finanziamento regionale di 399.000 Euro sulla base della proposta presentata da Eurobic sul bando 1.7.1
Nuovo design per cucina e dinette all’interno del camper con REICA
 
 

Continua ad andare avanti la progettazione di REICA, il programma di lavoro che ha ricevuto il finanziamento regionale di 399.000 Euro sulla base della proposta presentata da Eurobic sul bando regionale 1.7.1 Docup. Gli elementi cardine su cui impiegare i contributi ottenuti sono l’assemblaggio della scocca del camper, il design di interni, lo sviluppo di sistemi intelligenti di gestione interna con la costituzione di una Piattaforma di Trasferimento Tecnologico centrata sulle necessità espresse dalle aziende. Ma si lavora anche sui materiali e l’integrazione intersettoriale, nonché sull’interdisciplinarietà. L’obiettivo è l’innovazione nel settore camperistica. Early warning, ergonomia e design sono i settori dove si stanno approfondendo nuove soluzioni. In modo particolare, nel lavoro in corso con il Dipartimento di Tecnologie dell’Architettura e Design “Pierluigi Spadolini” Facoltà di Architettura Università di Firenze, gli indirizzi presi riguardano gli interventi su dinette e la cucina del camper. Per questi due ambiti si stanno approfondendo nuove soluzioni con tavoli a scomparsa e fornelli per migliorare ergonomia e abitabilità del camper. Inoltre, con i dipartimenti di Scienze Aziendali della Facoltà di Economia dell’Università di Firenze e il Dipartimento di Tecnologie dell’Architettura e Design si stanno sviluppando linee ad hoc per tracciare il ritratto del camper nei prossimi anni per stile, funzionalità e posizionamento di mercato. Da questo punto di vista è in corso una ricerca sulle piazzole di sosta di tutta Italia. L’obiettivo è quello, oltre che fare una verifica, di individuare linee di intervento per rinnovarle e ridisegnarle Continuano dunque le azioni di Eurobic Toscana Sud per favorire la ricerca e l’innovazione nella filiera del camper e continua il lavoro di tessitura al fine di realizzare una rete che si proponga come “polo” permanente di competitività e di progettazione per il camper. Continuano anche gli incontri tra i soggetti che partecipano al progetto. Altro elemento che emerge: la ricerca di innovazione su materiali e numerose fasi del processo produttivo. Un argomento interdisciplinare che il Dipartimento Chimica Organica Facoltà di Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali Università di Firenze ha evidenziato con Triganò per l’incollaggio e le infiltrazioni, con Metallarte sui materiali e con Tecnowall per materiali più resistenti e leggeri. Inoltre, la sub fornitura in particolare guarda ai nuovi mercati, per esempio alla nautica.

 
 4. SVILUPPO
Ha preso il via il percorso del nuovo Interreg. Turismo sostenibile e scambio di buone pratiche gli obiettivi.
Preserve: nuovo appuntamento il primo aprile
 
 

Continua il percorso di Preserve, il progetto Interreg a cui partecipa Eurobic Toscana sud all’interno della nuova programmazione europea. L’obiettivo è quello di individuare azioni per sostenere il turismo sostenibile e dunque effettuare scambio di buone pratiche. Dopo la conferenza di lancio che si è tenuta a Bruxelles il 4/5 febbraio scorsi sono stati presentati logo e brochure del progetto curate da Eurobic. Il prossimo appuntamento è in Austria, il primo aprile, a Graz. Tra i partner ci sono enti e associazioni di paesi come Romania, Lituania, Spagna, Norvegia, Austria, Danimarca. A Bruxelles era presente il presidente dell’Assemblea Europea delle Regioni Francesco Ianniello. Ha partecipato anche Paolo Bongini, dirigente per il turismo sostenibile della Regione Toscana. Dalle relazioni è emerso come in Europa siano presenti livelli molto diversi nello sviluppo di turismo sostenibile. Esistono regioni, come la Toscana e la Regione Paca –Provence e Cote d’Azur, che hanno percorsi molto avanzati, con reti di turismo sostenibile sviluppate. Sostenibilità vuole dire soprattutto fare sinergie, capitalizzare le risorse sia in ambito culturale, sociale che ambientale. Durante il convegno del primo aprile si avvieranno concretamente i lavori, applicando il metodo del peer review, per individuare indicatori destinati ai politici, tali da dare loro la possibilità di capire se con le loro scelte si è innescato un processo di turismo sostenibile. Il progetto prevede un investimento complessivo di oltre 1 milione di Euro per oltre 14 partner, su un percorso che si dovrà sviluppare in tre anni. Eurobic, che ha il compito specifico di seguire il brand book, ha un contributo di circa 150.000 Euro.

 


www.bictoscanasud.it
staff@bictoscanasud.it
.

Località Salceto, 121
53036 Poggibonsi
Siena - Italia
tel: +39 0577 995011
fax: +39 0577 980217

.
Il Suo indirizzo e-mail è stato reperito attraverso fonti di pubblico dominio o attraverso risposta ad e-mail da noi ricevuta o da Lei rilasciataci. Questo messaggio non può essere considerato SPAM poiché include la possibilità di essere rimosso da ulteriori invii di posta elettronica. Il titolare dei dati potrà richiederne in qualsiasi momento la conferma dell’esistenza, la modifica o cancellazione come previsto dall’articolo 13. Tutti i destinatari della mail sono in copia nascosta (Privacy L.75/96), ma può succedere che il messaggio pervenga anche a persone non interessate, in tal caso vi preghiamo di segnalarcelo scrivendo all’indirizzo: cancellami@bictoscanasud.it

Questa è la pagina dalla quale gli utenti possono iscriversi: mail.bictoscanasud.it/mailman/listinfo/news

Unsubscribe from: http://mail.bictoscanasud.it/mailman/listinfo/news